lunedì 23 febbraio 2009

howard carter, una vita di passione


Ieri pomeriggio, in un raro momento di solitudine (marito e figlie dalla nonna paterna...^^), ho beccato su BBC Prime un documentario, ovviamente in lingua, su Howard Carter e la scoperta della sua vita, il ritrovamento della tomba quasi inviolata del giovane faraone Tuth ank amun, 18°ma dinastia, nella Valle dei Re, dove scavò per oltre un decennio, finanziato da George Herbert, V Conte Carnarvon.
Non ho capito niente, ma proprio niente, non ho mai potuto studiare l'inglese ...:D, ma conoscendo a menadito la storia, sapevo tutto.
Bravissimi gli attori, strepitosi. E pensare ai cani sciolti del nostro cinema che si atteggiano a divi quando a questi qui non potrebbero nemmeno lustrare le scarpe, mi ha un po' intristito. Poco però, del cinema non me ne frega niente, ma niente davvero. Di rado ci vado, ho pochi gusti ben determinati. Insomma, fosse per me farebbero la fame... Per fortuna, non sono tutti come me.
Di Tuthankamun sappiamo tutto, forse troppo. Adesso è stato accertato anche come e perché è morto, sfatando definitivamente la cretineria della maledizione e il complotto politico.
Mi sono invece innamorata dell'archeologo, Carter.
Merito di sicuro del bravo attore che lo impersonava.
E di un epoca che non esiste più. Eleganza, tenacia, passione, gioia, sconfitte e lotte per amore del sapere.
Peccato.
Credo che scriverò una storia. E' tanto che non ne scrivo più così, limitandomi a racconti brevi. Ultimamente troppo introspettivi.
Buon lunedì e buona settimana a tutti quelli che passeranno di qui!

2 commenti:

  1. ti consiglio di leggere "il re di luxor" di philipp vandeberg piemme pocket
    ciao
    sergio
    sergio.martino@alice.it

    RispondiElimina
  2. consiglio di leggerlo anche io...stupendo e intenso...fosse stata realtà..chissà...un personaggio affascinate e una storia profonda e d'altri tempi...

    RispondiElimina