lunedì 2 marzo 2009

la mia anima


E' carica di anni e di ferite, è bambina che intimidita dal luogo in cui è stata rinchiusa occhieggia con tremore la vita, è fanciulla che ha perduto il sorriso della giovinezza, è donna che affronta il quotidiano cercando di costruire una via ampia e comoda per tutti coloro che ama, è sognatrice, che cerca la luce e l'armonia della vita che non ha fine, è passato e presente che anela a un futuro di conoscenza.
La mia anima, che non muore.
Che ha trovato la Dea sul proprio cammino e ad ella rivolge il suo sorriso.
Che dietro la Madre signora di vita e di morte, di rinascita e risveglio, pone i propri passi.
Che non cerca altro che la via, la propria via, per non perderla di nuovo.

Nessun commento:

Posta un commento