venerdì 25 settembre 2009

La mia casa


Non so in quale vita io sia stata qui, ma qualcosa si sta risvegliando in me. Devo aver appreso però anche altro oltre il cammino di Avalon, perché i boschi dove si celebra l'antica via della magia femminile sono molto più intimi al mio sentire.
E' un cammino di riscoperta al suo inizio, il mio.

martedì 22 settembre 2009

Il mio nome


Tra le radici muscose
nel grembo umido di pioggia e oscuro della terra,
risuona il mio nome,
il mio nome,
che solo Lei conosce
che solo Lei può pronunciare,
perché il mio nome è la mia intima essenza,
ciò che fui,
ciò che dovrò tornare ad essere,
ciò che sarò.

lunedì 21 settembre 2009

Mabon e il silenzio


Il silenzio dell'autunno e i suoi colori decisi, le sue rotondità, il languore dell'amore, quello vero, quello della Madre e per Lei, che solo apparentemente sembra scemare perché pare nascondersi nel ventre oscuro di Ceridwen e in quello della sua grotta dove mi siedo sempre più spesso ad ascoltare il sobbollire del suo calderone, che sto già rimestando, ipnotizzata dalla spirale che se ne sprigiona...
Ecco, questo è il mio animo ora.

E io mi sto scoprendo sempre più innamorata, non so come altro esprimermi, della mia Signora e della sua meravigliosa manifestazione in natura, dove tutto parla di lei, del suo aspetto femminino e del suo volto mascolino, tutto è incantevole, rapisce l'anima, inebria i sensi e lascia immersi nel silenzio dello stupore che è il solo commento della mia anima incantata.

venerdì 11 settembre 2009

S'approssima l'autunno


Si avvicina a grandi passi l'equinozio d'autunno.
Lo attendo dalla festa del raccolto, quando per me è terminata la calda estate e ho scrutato il cielo per cogliere i segni del cambiamento. L'aria fredda mattino e sera, il cielo velato e le foglie che cominciano ad ingiallire, mi parlano dell'equinozio che sta per giungere, di Mabon, il tempo di sosta e di meditazione, dove s'inizia a scendere nel ventre della Madre Terra, dove le ombre si allungano, dove i canti degli uccelli si fondono con i richiami degli animali notturni, dove gli ultimi frutti dolcissimi rallegreranno la nostra tavola e le nostre dispense in preparazione dell'inverno.
Amo profondamente questo tempo e fremo d'attesa per Samhain, quando il sottile confine con il mondo Altro si allenta, quando l'anno finisce e la ruota gira e ci dona un nuovo inizio, un unizio in discesa nell'oscuro antro di Ceridwen, signora crona del silenzio e dell'introspezione che ci guida alla riflessione e alla ricerca della saggezza.
Sono una bimba e sono una donna, sono una donna che con occhi e cuore di bimba gode della bellezza della Natura e ringrazia la Dea per questo tempo sacro, tutto è sacro attorno a me; sono la signora del bosco, colei che accoglie nella quiete e nel silenzio della stagione che declina le sue creature e le aiuta e le sostenta; sono la giovane fanciulla seduta ai piedi della vecchina del bosco, per ascoltarne le fiabe ricche di saggezza; sono la vecchina che narra di tempi antichi e lontani che possono tornare a vivere se trovano un cuore ardito e pronto a donarsi senza riserve all'Antica Via della Magia Femminile con tutti i suoi misteri; sono colei che ascolta e cerca, nel silenzio.
Silenzio.
La mia dimensione più amata.

venerdì 4 settembre 2009

luna piena


signora che nel cielo
di luce argentea t'offri alla vista,
ascolta la mia voce.

nella tua pienezza d'armonia
rifletti l'amor gentile dell'animo antico
e del viandante guidi il sospiro e il sogno.

come pellegrina
anch'io sollevo a te lo sguardo,
dolce ridente viso di fanciulla
lieve sorriso di donna,
saggio volto di crona
e invoco la tua luce
affinchè mi guidi
nell'andare che ho intrapreso.

- Esbat di Settembre -

mercoledì 2 settembre 2009

Nostalgia


Ad ogni respiro
provo la nostalgia del fuoco antico,
come se dal cuore m'avessero strappato
il sogno più bello,
quello solo mio.

So che posso ritrovarlo,
incantato,
amorevole languore femminile
cuore pulsante e vitale
della bellezza
e dell'armonia.

Il Tempio della Ninfa


Un luogo di incanti e di armonia, il primo (serio e ben fatto) dove approdai all'inizio del mio cammino ... mi è carissimo!

Lasciatevi cullare dal vento, come foglie appese ai rami.
I dolci e imprevedibili rumori del bosco vi accompagnano e le creature della Natura vi seguono osservandovi curiose.
La Madre vi accoglie con il sorriso della sera, mentre il tramonto disegna linee di fuoco e oceano all'orizzonte e la Luna Piena si erge silenziosa davanti ai vostri occhi.
Mille segreti nascondono le pieghe della Terra... e il canto delle Fate aleggia nell'aria, negli alberi e in ogni stella del cielo, racchiudendo, nelle sue note, la magia del Divino.

Grazie a Violet che lo ha realizzato!