venerdì 1 novembre 2013

Samhain e il nuovo anno

La benedizione degli Antenati, di Dea e del Paredro si è poggiata sull'uscio della mia casa in questa notte appena trascorsa, in cui ho festeggiato il Nuovo Anno e la mia donazione a Dea con il volto di Ecate.

Il silenzio della notte, la luce nelle zucche, quella delle stelle nel cielo e dei lumini disseminati per lasciare una scia da seguire a chi torna in questa benedetta notte in cui il Velo si assottiglia nei luoghi che amò, la terra che pare dormiente e che vibra nell'attesa del giro della Ruota.

Tutto si compie, tutto finisce per poter ricominciare.

La porta dell'Anno si chiude e si apre ancora e tutto appare nuovo nella luce del mattino, quando le stelle impallidiscono e il sole torna a dileguare le ombre che nella notte ci hanno accompagnato.